marzo 4, 2007

Avete presente il Polanca che scuote la testa e se ne sta in silenzio? Quello che mentre tu gli parli si vede che lui sta pensando ad altro?
Stamattina, sotto questo sole di primavera.
Io stavo dicendo che esistono solo le mezze stagioni, che se non giocasse il Cagliari si potrebbe andare al mare, che gli alberi sono già in fiore, che col sole le donne nuoresi sono ancora più belle. E cosa ti bevi, è tempo di mare, quella che è appena passata mi piace una cifra e compagnia cantante.
Ohi, niente, Polanca è altrove.
Dopo un bel po’ che io ho parlato al vuoto, mi fa:
“Ce l’hai sempre la tessera di partito?”
“Sì, mi sono iscritto anche quest’anno”
“Ti dispiace farmela vedere?”
“Eccola”

Se la rigira fra le mani, la guarda, legge tutto quello che c’è scritto. E ricomincia a scuotere la testa.
Infine: “Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente”.
Fa una lunga pausa e mi guarda. Quando ci si mette diventa teatrale, sembra che stia recitando.
“Karl Marx”, mi dice, sempre guardandomi negli occhi. Scandisce benissimo, come se volesse sottolineare con una penna rossa o mettere un punto esclamativo.
“Prima la rivoluzione era questo. Adesso il motto sembra essere: “Facciamo questo e quest’altro, sono decisioni dolorose, ma sono scelte del precedente governo”.
Senza lasciarmi il tempo di replicare, aggiunge:
“L’hai vista l’eclissi?”
“Sì”
“Bella eh?”

Lo incontro poco, Polanca, ma quando lo incontro diventa uno spillo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: