settembre 8, 2007

– Un tempo si diceva "falce martello e stella". Ti ricordi, no?

Polanca è in vena di nostalgie. O di stronzate. Vediamo.

– Era il simbolo, la storia.
– Certo che mi ricordo. Polà, le radici, come no: falce martello e stella sulla bandiera rossa…
– Ecco, appunto. Qualcosa rimane. Solo la stella però.

Uh, sento che sta per spararla.

– Quella di latta. Quella da dare ai sindaci democratici.
– La sicurezza è un problema serio, Polà.
– Come no…e il decoro delle città.
– Anche.
– Tu comincia a cercarti un avvocato. Digli che hai partecipato alle notti bianche, ti servirà come attenuante.
– Parlare seriamente con te è impossibile.
– No no. Pare che dopo i lavavetri, i writers, le prostitute, i gay, gli zingari e i barboni tocchi a quelli che non parlano bene l’italiano.
– Beh, io lo parlo discretamente.
– Sì, ma sei più basso di un metro e settantacinque e stai perdendo i capelli.

Annunci

15 Risposte to “”

  1. Q.lla said

    Troppi gechi sul tuo terrazzo? Scrivi al tuo sindaco democratico.

  2. utente anonimo said

    Bentornati.
    Caro Gianni e caro Polanca.
    Bentornati.

    Alessio

  3. Io, a dirla tutta, penso che siamo più preoccupati noi, dei lavavetri: dopo l’ultima ordinanza-choc (tanto per usare un termine) i “soggetti colpiti dalle nuove norme” mi sembrano più tranquilli di prima.
    Ma è una mia impressione.
    Credo che facciamo bene a preoccuparci, noi, ma è sempre una mia semplicissima impressione.
    Ciao biramb.

  4. birambai said

    Stranofò, a dirne anche solo la metà, ho come l’impressione che le sue preoccupazioni siano molto diverse dalle mie.

    ciao, Alessio, bentrovato.

    Quellì, contro quei mostri neanche John Waine potrebbe nulla.

  5. Impressione giustissima, presumo, anche per ciò che concerne la metà da lei sibillinamente taciuta.

    Lusingato per il “Lei” riservatomi ed orgoglioso – anche se potrebbe sembrare un comodo paradosso – delle mie endemiche quanto croniche e poliedriche, preoccupazioni, saluto.

  6. cybbolo said

    nominerei Polanca ambasciatore ufficiale del “qualcosachenonvacome dovrebbe”.

  7. Ho fatto caso che la parola “decoro” è raramente pronunciata da quella che si è soliti chiamare “la gente”. A farlo, sono in prevalenza i politici, gli opinionisti in servizio permanente effettivo, i tuttologi pret-à-porter, i sedicenti “rappresentanti della società civile” (???) e varie altre categorie affini. Insomma, il “decoro” è materia su cui discettano, quasi sempre indecorosamente, personaggi che del “decoro” etimologicamente inteso sono non l’antitesi, ma la negazione. Il che mi induce, per una volta, a pronunciarla anch’io, quella parola (che Polanca mi perdoni): andade tottu cantos a bo’ che la leare in culu, chi bos falet una raju! E mi’ chi bo’ lu naro “de coro”…

  8. utente anonimo said

    mi ribalto, con decoro, dalle risa

  9. birambai said

    Stranofò, è orgoglioso delle preoccupazioni? Io al suo posto sarei preoccupato.

    Ih ih, Maè mi sta diventando grillesco pure lei! Senta, faccia una cosa: ci aggiunga pure i miei di “frastimi” con desinenza in U.

    ps: le ho mandato una e-missiva con allegato. Mi faccia sapere. Presto però, che se no io continuo a testa bassa.

  10. utente anonimo said

    Buongiorno caro zio, la vacanza ti ha reso nuovamente desto di intelletto….fossero i lavavetri il mio problema starei di molto meglio.
    poveri lavavetri e povera me.
    Un bacione zio, la tua nipotastra

  11. triana said

    Ciao bobbotino, passavo e ho visto che il buon Polanca ti ha messo giustamente sulll’avviso. Forse è il caso di chiedere asili politici preventivi…

  12. Mi sembra di rivedere il film di Benigni, Johnny Stecchino, quando enumerava i tre maggiori problemi della Sicilia, aiutatemi a ricordare i primi due, ma il terzo e più grave era senz’altro il traffico!

  13. utente anonimo said

    Etna e siccità.

    Ciao Bir, mi è dispiaciuto non vederti niente questa breve estate appena trascorsa, ma appena varco la galleria il resto del mondo rimane tagliato fuori, e io mi immergo nel mare e nella bruma della mia piccola isola nell’isola.
    Intanto continuo a calcare scene, stanca e felice.
    Mi vedrai, un giorno?
    Un bacio

    Betta

  14. zop said

    sì mi ricordo… sia di un due tre stella che di bandiera… un tempo… sì! 🙂

  15. birambai said

    E, caro zop, invece adesso si gioca solo “agli sceriffi”.

    Betta, meglio che non ci siamo incrociati, che io ogni volta che ti vedo mi innamoro un po’ 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: