settembre 17, 2007

Per gentile concessione di Giorgioflavio e della Contos Production, direttamente dal suo magnifico concorso appena concluso: "quando ero piccolo credevo che…"

Quando ero piccolo credevo che "s’istentu" fosse una trappola per i topi. Oppure un colino per il latte. Invece non era niente.
Quando ero piccolo mi mandavano a comprare un po’ d’ombra di campanile. Quasi tutti i negozianti mi dicevano che l’avevano appena finita. Tiu Paulinu, invece, incassava le cinquanta lire e mi dava dieci "giggiole".
Quando ero piccolo ero sicuro che le code delle lucertole mandassero delle maledizioni micidiali, quando si staccavano. Continuavano a muoversi e sembrava che urlassero tutti i "frastimi" del mondo, quelle bastarde. Meglio non guardare, meglio non guardare.
Quando ero piccolo, a furia di sentire mia madre che diceva "quando torna tuo padre vedrai cosa ti fa, quando torna tuo padre preparati", credevo che "tuopadre" fosse un modo per chiamare quell’uomo che era mio babbo. Per questo dicevo a mia madre: "è tornato tuopadre".
Quando ero piccolo ascoltavo l’aradio.
Quando ero piccolo credevo di diventare saragat. Tutti volevano diventare astronauti o cantanti, io volevo diventare saragat.
Quando ero piccolo mi immaginavo Abramo come  uno cattivo che si nascondeva a Sunis. Uno che poteva uccidere tutti i bambini del paese perché gliel’ aveva detto Dio.
Quando ero piccolo non capivo le parole delle preghiere (peggio per loro, erano tutte in italiano). "Maria concepita senza peccato?"  Pensavo a una che si chiamava Maria di nome e Concepita di cognome: una donna bravissima.
Quando ero piccolo sentivo il mare dalle conchiglie. E il treno, appena partito da Macomer, appoggiando l’orecchio sul binario di Sunis.
Quando ero piccolo ero sicuro che che San Giorgio era grasso e Sant’Isidoro piccolo e magro.
Quando ero piccolo mi avevano fatto credere che inghiottire la "cingomma" era pericolosissimo: "si attacca alle budella", e che mi avrebbero potuto operare. Credevo anche che i fichi, mangiati di sera, avrebbero parlato di notte: Ti occo, ti occo (ti uccido, ti uccido).
Quando ero piccolo pensavo che quello che stavo facendo lo stavo sognando.
Quando ero piccolo pensavo che la città di Roma fosse sempre in costruzione, che ci fossero milioni di muratori al lavoro.
Quando ero piccolo mi avevano insegnato che se mi cadeva un pezzo di pane dovevo raccoglierlo e baciarlo tre volte. E questo era bello.
Mi dicevano che il 31 di Luglio passava "su traigoldzu" e non bisognava affacciarsi. Che avrebbe bussato a casa di qualcuno e quel qualcuno sarebbe morto: e questo era brutto.
Quando ero piccolo credevo  che le due pietre sporgenti dal tetto della chiesa di san Demetrio fossero le teste pietrificate di due ladri che avevano cercato di rubare il tesoro dei frati.
Quando ero piccolo, la macchia nella porta del bagno era una  donna bellissima.
Quando ero piccolo le lumache mi ascoltavano e quando glielo chiedevo tiravano fuori le corna, corros de boe corros de acca billoe busciacca.
Quando ero piccolo credevo che il nuraghe di Santa Barbara contenesse tutti fulmini caduti sulla terra.

Annunci

5 Risposte to “”

  1. aquatarkus said

    Quand’ero piccolo mi dicevano che eri dietro tutte le porte buie. Ah se l’avessi immaginato che eri piccolo anche tu, quanti pizzichi ti avrei dato, o Bobboti.

  2. RobySan said

    Quand’ero piccolo credevo che una sera o l’altra sarebbe caduta la bomba atomica.

    Quand’ero piccolo gettavo cinquanta lire bene incartate al violinista mendicante in cortile.

    Quand’ero piccolo credevo che, se non fossi riuscito a spegnere le candeline della torta tutte in un sol soffio, sarei morto entro l’anno.

    Quand’ero piccolo ho fatto qualcosa che non andava fatto (oppure non ho fatto qualcosa che andava fatto), ma non ricordo cosa.

    Quand’ero piccolo mi figuravo che un coccodrillo mi mordesse alla schiena, la sera a letto, e mi venivano i brividi alla schiena proprio.

    Quand’ero piccolo non riuscivo mai a stare allegro e credevo che fosse normale così.

  3. birambai said

    RobySan: la malinconia si vede dal mattino.

    Aqua:io lo immagino ancora. dietro ogni porta. mi travesto da bobboti per farmi coraggio.

  4. triana said

    Bobbotino, l’immgine di te piccolino che vai a comprare l’ombra di campanile miha segnato per sempre:-))

    Anch’io credevo che quello che vivevo lo stessi sognando, davvero!!

    E poi che inghittire la gomma americana facesse sicuramente venire l’appendicite. Mi sa che questo lo dicevano a tutti noi bambini e forse ci credevano anche i grandi!

    Mando un bacino a Robysan bambino che era sempre triste.

  5. credo di averlo letto millanta volte senza stancarmi, e poi trovo la mobilia di aqua e robysan
    che fortuna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: