dicembre 25, 2010

ma non c'è, non c'è,
non c'è il muschio di Badde 'e iscova e i pastori sulla neve di farina e il fiume di stagnola e una stella di cartone.
Non c'è il tavolo lungo ricoperto di ravioli, la radio che dice, la maglia di lana, i guanti forse una sciarpa.
Non c'è, non c'è "missa 'e puddos", che a me non mi portavano e allora immaginavo
i galli che pregavano, venite adoremus e un chicchiricchì.
Non c'è "stare svegli", ancora un po', sotto il peso di cinque coperte,  il buio e l'attesa amici finalmente
Non c'è la fila delle scarpe lucidate, in un angolo, per domani.
Non c'è Il silenzio , come se ci fosse una nebbia o la neve che invece non c'è, non ci sarà. L'ultimo rumore, prima del sonno, mio padre che sistema la legna vicino al fuoco per farla asciugare. Un pensiero  corre via, e poi un altro che lo insegue e poi di nuovo il primo, prima del sonno, il gioco dei pensieri.
Forse la sciarpa, forse un maglione. Un gioco no, non importa.
E la cornamusa del pastore, la lavandaia, il falegname al freddo.
In tutto quel verde spruzzato di bianco, nel presepio che sembra il paese. Più piccolo, più grande. Non c'è.