dicembre 25, 2010

ma non c'è, non c'è,
non c'è il muschio di Badde 'e iscova e i pastori sulla neve di farina e il fiume di stagnola e una stella di cartone.
Non c'è il tavolo lungo ricoperto di ravioli, la radio che dice, la maglia di lana, i guanti forse una sciarpa.
Non c'è, non c'è "missa 'e puddos", che a me non mi portavano e allora immaginavo
i galli che pregavano, venite adoremus e un chicchiricchì.
Non c'è "stare svegli", ancora un po', sotto il peso di cinque coperte,  il buio e l'attesa amici finalmente
Non c'è la fila delle scarpe lucidate, in un angolo, per domani.
Non c'è Il silenzio , come se ci fosse una nebbia o la neve che invece non c'è, non ci sarà. L'ultimo rumore, prima del sonno, mio padre che sistema la legna vicino al fuoco per farla asciugare. Un pensiero  corre via, e poi un altro che lo insegue e poi di nuovo il primo, prima del sonno, il gioco dei pensieri.
Forse la sciarpa, forse un maglione. Un gioco no, non importa.
E la cornamusa del pastore, la lavandaia, il falegname al freddo.
In tutto quel verde spruzzato di bianco, nel presepio che sembra il paese. Più piccolo, più grande. Non c'è.

Annunci

8 Risposte to “”

  1. OraSesta said

    Stidda d’Orienti[..] Ma non c’è, non c’è, non c’è il muschio di Badde ‘e iscova e i pastori sulla neve di farina e il fiume di stagnola e una stella di cartone. Non c’è il tavolo lungo ricoperto di ravioli, la [..]

  2. OraSesta said

    Stidda d’Orienti[..] Ma non c’è, non c’è, non c’è il muschio di Badde ‘e iscova e i pastori sulla neve di farina e il fiume di stagnola e una stella di cartone. Non c’è il tavolo lungo ricoperto di ravioli, la [..]

  3. Ma ci sono le parole. E questo non è poco. Non è poco.

  4. RobySan said

    Cinque coperte? Ma dai, nemmeno dalle mie parti!

  5. elis_mr said

    Che peccato!  Ho potuto comunque immaginarlo dalle tue parole.

    Auguri di buon Anno, Bira :-))

  6. birambai said

    Ma allora questo blog esiste ancora!
    Terez, come tuo solito sei sempre molto generosa. Grazie.
    Nebbia, le parole, le tue.
    RobySan, sì. Mi ricordo ancora il peso. Fa freddo anche al mio paesello. E c'era solo un caminetto che appena ti allontanavi ti sembrava di morire.
    Elis, auguri anche a te.

  7. utente anonimo said

    Che nostalgia.
    Ciao frade mannu.

  8. oraSesta said

    […] (Bobboti) […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: