gennaio 21, 2011

E così Polanca ci ha convocato per stasera. “Per importanti comunicazioni” ha scritto.  Stamattina presto, prima di recarsi al suo ennesimo colloquio di lavoro, ha lasciato in bella mostra un finto telegramma. La carta sembrava quella di una volta, giallina, e anche per come l’aveva ritagliata si capiva che ci aveva messo un certo impegno.
“Alle ore 19 riunione di noi tre stop Per importanti comunicazioni stop Qui in cucina stop”.
 
“Che vorrà dire?” mi chiede Bulgaria, mentre facciamo colazione.
“Non saprei, magari questa volta lo assumono”.
“Ma figurati, farà come sempre, dopo due minuti manderà affanculo tutti”.
“Dici che parlerà di nuovo del plusvalore e del fallimento del capitalismo?”
“Sicuro”.
“Allora, chissà, forse ha trovato una fidanzata”.
“Sì, e io gioco a basket nella Nba”.
Cade il silenzio. Rimaniamo così, tutti e due con una faccia che sembra disegnata  dalla curiosità.  Bulgaria riprende in mano il telegramma. Lo riapre e lo ripiega più volte, come se stesse studiando un sottotesto. Mi sembra di scorgere in lui un accesso di tenerezza, ma forse ha sempre avuto quell’unica espressione, quegli occhi un po’ bovini.
“Senti, io lo chiamo” mi fa, alzandosi di scatto.
“Non ora, magari è sotto esame”.
“Se è così, saprà come cavarsela”.
E infatti, poco dopo, dal vivavoce sento Polanca che dice: “Sì, buongiorno direttore, l’articolo sul Taylorismo e i processi produttivi è pronto, glielo mando stasera…grazie a lei… a risentirci”.  Bulgaria dice solo “arrivederci”, poi la comunicazione si chiude.
“Che ti avevo detto, è davanti a qualche capo del personale”.
“Vabbè, fra un po’ lo richiamo”.
Invece, non sono passati neanche venti minuti, richiama lui: “Arrivo fra un’ora, la riunione è anticipata per l’ora di pranzo”.

Quando entra in cucina è tutto serio. Si leva il cappotto, sotto ha l’abito di velluto e una mia cravatta presa in prestito.
“Come è andata?”
“Un altro imbecille, il mondo è pieno di imbecilli che pensano di avere a che fare solo con imbecilli”.
“Quindi niente?”
“Niente. Fumerò di meno”.
Poi si siede e ci guarda, prima l’uno e poi l’altro, come un arbitro che guarda i capitani prima di lanciare la monetina.
“Vi devo briffare”
“Eh?” fa Bulgaria, arricciando il naso e con una voce stridula.
“Bulgarì, ma dove vivi? Ma li leggi i giornali? To brief, una riunione veloce per illustrare un progetto. Eppure questi giorni è stato usato spesso”.
“Ecco, bravo, è proprio di questo che devo parlarvi, di un progetto”.
Apre una cartella che aveva poggiato sul tavolo e tira fuori un po’ di carte. “Un progetto di lavoro che riguarderà noi tre. Se Maometto non va dalla montagna, la montagna verrà da noi. Ho fatto anche dei biglietti da visita. Intanto cominciate a dare uno sguardo alle stampe che ho lasciato in giro per la città”.
Io non credo ai miei occhi. Munga Munga. C’è scritto proprio così, in grassetto, in cima al foglio.
E sotto: “ Pastori, non servi. Manodopera specializzata per mungiture ad alta professionalità. Anche ad ore. Intercettateci”.
Sotto ancora, un numero di telefono.
“Ma porca vacca, questo è il mio cellulare!” esplode Bulgaria, quando realizza che il numero è proprio il suo. “Tu sei pazzo”.
“Sei quello che parla meglio il sardo, Bulgarì. E hai pure le physique du role, sei il più credibile”.
“Ha ragione Polanca, sei  il più basso". " Mi sembra un’ottima idea” aggiungo, cercando di essere convincente.
Bulgaria si alza e ci manda da qualche parte, imprecando nel dialetto incomprensibile del suo paese.
Poi continua dall’altra stanza, noi lo sentiamo appena.
Finché il suo telefono non comincia a squillare.
“Pronto. Sì, siamo noi”.

"Cinquecento pecore? Allora ci dovete dare anche una farfallina".

 
 
 

Annunci

6 Risposte to “”

  1. e.l.e.n.a. said

    porca vacca!!!

    (dì a polanca di fare attenzione che nessuno gli rubi l'idea)

  2. birambai said

    Detto. Abbi fede, mi ha risposto.

  3. RobySan said

    Ci state anche per le capre? In questo caso fammi sapere.

  4. elis_mr said

    Se mungete tutte allora anche le oche:  come ricompensa un pezzo del mantello di…San Martino :-))

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: